L’ARCIVESCOVO MONS. BERTOLONE HA CELEBRATO , NELLA CAPPELLA DEL CIMITERO, LA MESSA PER LA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI

Nella ricorrenza della commemorazione dei defunti, il 2 novembre, l’arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, ha celebrato una messa, come è tradizione, nella cappella del cimitero di Squillace, alla presenza delle autorità civili e di numerosi fedeli. 
Erano presenti, tra gli altri, il sindaco Guido Rhodio, insieme ad altri amministratori, e il comandante della Compagnia dei Carabinieri capitano Vitantonio Sisto, con i marescialli Antonio De Nardo e Raffaele Mosca. 
Il rito, presieduto dall’arcivescovo, è stato officiato anche dai parroci di Squillace don Giuseppe Megna, don Alessandro Nicastro e padre Piero Puglisi, oltre a don Francesco Candia. 
Nell’omelia, l’arcivescovo ha definito il cimitero “un luogo di silenzio che parla”. «La morte di don Pino Puglisi e del cardinale Martini, per esempio – ha aggiunto – parla ancora e il loro insegnamento è ancora vivo. 
Questo luogo invita tutti noi ad elevare il pensiero a Dio e ci insegna che è importante imparare a morire ogni giorno. Occorre ricordare che la morte è l’inizio della pienezza della vita». Il presule ha invitato i fedeli alla riflessione quotidiana sui “Novissimi”. 
«Il pensare alla morte e al giudizio – ha rimarcato – non deve mettere paura, ma ci deve fare considerare tutti figli di Dio e ribadire che la morte è un incontro con lui».

 Salvatore Taverniti  

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

error: Content is protected !!