Un pensiero di Guido Rhodio in attesa della Santa Pasqua

Cari amici e concittadini,
questa poesia bellissima e commovente, scritta da TRILUSSA, il poeta romano morto nel 1950, me l’ha inviata, nei primi giorni di solitudine, un mio carissimo cugino (Medico, ultranovantenne – il Signore lo conservi molto a lungo ancora – che vive lontano da Squillace).
La giro a tutti voi, mentre penso che cominciando da oggi la SETTIMANA SANTA, tutti noi – anziani e giovanissimi – rivivendo col trasporto emotivo dei nostri Padri la bellezza dei Riti tradizionali dei nostri Paesi e di cui siamo ora privati, possiamo rileggerla in questi giorni tristissimi , unendoci nel messaggio di riflessione e di preghiera che il grande poeta ci ha trasmesso in dialetto romanesco.
A questa accorata condivisione , aggiungo l’augurio più fervido per la Santa PASQUA (che noi vecchi non abbiamo mai vissuto in modo così amaro, neanche durante gli anni dell’ultima Guerra) e perché il Signore, l’Addolorata e i nostri Santi Protettori illuminino la Scienza per trovare celermente il bandolo della ricerca farmacologica e ci sollevino presto da questo inaspettato dolore e da questa prolungata angoscia.
Squillace, 05 Aprile 2020

GUIDO RHODIO

IO E DIO

Ve vojo riccontà ‘na storia strana.
Che m’è successa propio l’artra settimana
Camminavo pe’r vialone davanti alla chiesa der paese
Quanno ‘na strana voja d’entrà me prese
​Sia chiaro non so mai stato un cristiano praticante
Se c’era un matrimonio, se vedevamo al ristorante
​Ma me so sentito come se quarcuno,
Me dicesse: “dai  entra, nu’ c’è nessuno”
Un misto de voja e paura m’aveva preso
Ma ‘na vorta dentro, restai sorpreso
La chiesa era vota, nun c’era nessuno
La voce che ho sentito era la mia, no de quarcuno
C’erano quattro panche e un vecchio crocifisso de nostro Signore
“Guarda te se a chiamamme è stato er Creatore”
Me gonfiai er petto e da sbruffone gridai: “ So passato pè un saluto”
Quanno na voce me rispose: ”mo sei entrato, nu fa lo scemo mettete seduto!”Pensai: mo me giro e vado via,
Quanno quarcuno me rispose: “Nu te ne ‘nnà. Resta … famme compagnia”.
“Famo n’altra vorta , poi mi moje chi la sente:
è tardi sarà già tutto apparecchiato”.
“Avvicìnate nu fa lo scemo, ‘o so che nu sei sposato.
Me sentivo troppo strano, io che nun avevo mai pregato
Me sentivo pregà dar Signore der creato
“Signore dàteme na prova, devo da crede
Che sete veramente Iddio che tutto vede”
“Voi na prova ? Questo nu te basta? Te sei mi fijo
E io sto qua inchiodato pe er bene che te vojo!”
“Me viè da piàgne, me sento de scusamme.
Signore ve prego perdonate le mie mancanze
A sapello che c’eravate pe davero …
Venivo più spesso, ve accennevo quarche cero”.
Ahahahahhaha, ma te pensi che io sto solo qua dentro?
Io so sempre stato co te, nella gioia e nel tormento.
Te ricordi quanno eri piccolino
Io pe te ero Gesù bambino
Prima de coricàtte la sera
Me dedicavi sempre na preghiera
Era semplice quella che po’ fa er core de un bambino,
Me facevi piàgne e con le mie lacrime te bagnavo er cuscino
Poi anni de silenzio… te s’è indurito er core
Proprio verso de me, che t’ho fatto co tanto amore.
Te gridavo fijo mio sto qua,
Arza l’occhi guarda  tuo papà!
Ma te niente…  guardavi pe tera
E te ostinavi a famme la guera.
Poi quanno tu padre stava male
E te già pensavi ar funerale
Sul letto de morte… nelle ultime ore
T’è scappata na preghiera… “Te affido ar core der Creatore”.
Ecco perché t’ho chiamato,
Pe ditte quanto me sei mancato.
Ho cominciato a piàgne dalla gioia e dar dolore…
Ho scoperto de esse amato dar Signore…
​Questa è na storiella che nun ’ha niente da insegnà,
Solo che in cielo c’è un Dio che piàgne se lo chiami papà!

Trilussa

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

error: Content is protected !!