Tra Squillace e Montauro salvate 16 persone in mare

Il personale dell’ufficio circondariale marittimo di Soverato e del dipendente ufficio locale marittimo di Catanzaro Marina è stato impegnato in più interventi di soccorso, in seguito al repentino mutamento delle condizioni meteorologiche nell’area di mare ricompresa tra i comuni di Montauro e di Squillace.
Tre imbarcazioni e 16 persone tratte in salvo nel breve lasso di tempo di poche ore è il bilancio delle operazioni. Fortunatamente l’intervento tempestivo dei mezzi nautici già presenti in mare ha evitato che le situazioni potessero avere conseguenze ben peggiori.
In particolare, la motovedetta CP 769 ha tratto in salvo dodici persone avventuratesi sulla scogliera in prossimità della grotta di San Gregorio nel Comune di Stalettì, di cui quattro bambini e una donna incinta. Le persone sono state sorprese dall’improvviso aumento del moto ondoso, che non ha permesso alle stesse di tornare indietro.
Il mezzo nautico della guardia costiera, nonostante l’aumentare della risacca provocata dalle onde, è riuscito ad avvicinarsi ad una distanza tale da poter recuperare le persone con l’utilizzo di salvagenti anulari e gonfiabili lanciati ai malcapitati che successivamente venivano sbarcati in buono stato di salute nel porto di Catanzaro. Nelle operazioni di soccorso è stato anche determinante l’intervento dei due assistenti bagnanti accorsi dal vicino stabilimento balneare “Blanca Cruz”.
Anche nel comune di Montauro il battello pneumatico G.C. B115, dipendente dall’ufficio circondariale marittimo di Soverato, è intervenuto recuperando un’imbarcazione in avaria il cui conduttore versava in grave stato di shock e che il mare stava sospingendo verso gli scogli.
Le operazioni di soccorso sono state svolte nell’ambito dell’operazione “Mare sicuro”, organizzata dal comando generale del corpo delle capitanerie di porto che presso il circondario marittimo di Soverato vede due mezzi nautici impegnati quotidianamente nel pattugliamento finalizzato alla salvaguardia della vita umana in mare.
La raccomandazione dell’ufficio circondariale marittimo di Soverato è quella di prestare massima attenzione e valutare attentamente le condizioni del mare prima di uscire, così da prevenire situazioni di pericolo.
Salvatore Taverniti- La Gazzetta del sud

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

error: Content is protected !!