«Ricordate quando si giocava a “pizzu, pane e sozizzu”?». «E la signora che intonava i canti sacri nella chiesa dell’Immacolata durante la novena?». «E le sere d’estate facevi una passeggiata dalla piazza alla “conedha”?». «E se ricordi le “caramelle a vetro” di Rosaruzzo Schettini». Anche a Squillace impazza su...