Incontro di Federproprietà a Squilllace

Proposte per una politica moderna di gestione del patrimonio degli Enti locali e di gestione eco-sostenibile dei rifiuti urbani.
Le ha avanzate “Federproprietà” della provincia di Catanzaro, nel corso di un incontro tenutosi a Squillace, alla presenza di sindaci e amministratori del comprensorio.
CZ PR FEDERPROPRIETA

Dopo l’introduzione di Tommasina Lucchetti, responsabile rapporti istituzionali di “Federproprietà” per la provincia di Catanzaro e i saluti del sindaco di Squillace, Guido Rhodio, il vicepresidente nazionale di “Federproprietà”, Francesco Granato, ha sottolineato che il progetto della sua organizzazione prevede di mettere in rete gli inventari del patrimonio edilizio degli Enti locali. «Si tratta – ha affermato – di un vero e proprio osservatorio sui beni pubblici, posti in alienazione, insieme a quelli che hanno una certa valenza sul piano storico e turistico, creando percorsi di valorizzazione».
Sulla questione dei rifiuti, “Federproprietà” intende dare il proprio contributo con proposte per farne affluire sempre meno in discarica. Il presidente del Consorzio di bonifica “Ionio Catanzarese” Grazioso Manno e gli amministratori locali presenti all’incontro (i sindaci Francesco Fusto, Salvatore Megna e Concetta Stanizzi, rispettivamente di Borgia, Vallefiorita e Stalettì; il vicesindaco di Amaroni Gino Ruggiero; Flavia Meta, delegata del sindaco di San Floro) hanno dato la loro piena adesione per la messa in campo di progetti comuni.
Gli esperti Franco Lacava e Paolo Magrini hanno poi spiegato tecnicamente le due proposte di “Federproprietà”, che puntano alla valorizzazione del patrimonio edilizio pubblico e alla creazione di un consorzio tra Comuni per la raccolta differenziata e per la trasformazione dell’umido in “compost”.
L’economista Stefania Schipani, infine, ha spiegato che il progetto di “Federproprietà” tocca due settori economici che «possono attivare una filiera produttiva importante e creare occupazione in un periodo di crisi come quello attuale».

Salvatore Taverniti

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

error: Content is protected !!