Condannato anche in appello per l’imprenditore squillacese Franco Paonessa

“Dura lex, sed lex”. Arriva la condanna anche in appello per l’imprenditore squillacese Franco Paonessa, incappato nelle disposizioni previste dal decreto legislativo 231/2007, in materia di prevenzione del riciclaggio, poi modificato nel luglio 2017. Su un suo assegno bancario mancava la dicitura “non trasferibile” ed è stato sanzionato. Paonessa, utilizzando un vecchio carnet di assegni, ha agito nella massima tranquillità, dimenticando di apporre la dicitura “non trasferibile”.
«Un assegno – dice – emesso per pagare una fattura ad un unico intestatario. Altro che riciclaggio!». A partire dal 30 aprile 2008 non è più permessa l’emissione di asseg­ni per un importo pari o superiore a 5000 euro, senza la cla­usola “non trasferib­ile”. A fine luglio del 2013 per saldare una fattura di acquisto per euro 5970, Paonessa compilava un assegno intestandolo al fornitore. Per procedere al pagamento si è ritrovato tra le mani un vecchio ca­rnet riposto tra gli altri, non facendo caso che fosse privo della dicitura “non trasferibile”.
Per non incorr­ere in errore, si era abituato a scrivere su tutti gli ass­egni emessi, a prescindere della cifra, la dicitura non trasferibile. Purtrop­po il carnet utilizzato, che era precedente alla legge, gli era rimasto inser­ito tra gli altri. Scoperta subito dopo la svista, chiedeva la restituzione del titolo al fornitore, il quale però lo aveva già presen­tato allo sportello della sua filiale, anche se non lo aveva ancora incassato. Successivamente il ti­tolo è stato ritirato dal legittimo propri­etario e annullato. Nonostante ciò, l’imprenditore è stato sanzionato. «Da una sanzi­one al di sotto di 200 euro – sottolinea – si è passati a 3040 euro eu­ro oltre le spese le­gali. L’infrazione, infatti, compor­tava per la presenta­zione e il relativo incasso del titolo una penale inferiore a 200 euro, da pagare entro 60 gio­rni, ma dal momento che avevo fatto di tutto per dimostrare che si trattava di una mera svista, neutralizza­to il “corpo del re­ato” attraverso il ritiro e l’annullamen­to dello stesso, mai incassato, credevo, essendo stato anche rassicurato dalla mia filiale, che non dovessi più pag­are nulla».
Nonostante la dimostrazione tangibile della sua buona fede, dopo aver fatto tutto il poss­ibile per evitare an­che l’incasso, Paonessa è stato condannato al pagamento di 3040 euro. Anche se non c’è il dolo, insomma c’è la colpa: una beffa per l’imprenditore, che aveva proposto ricorso per una questione di principio, visto che poteva chiudere la vertenza con lo Stato pagando all’inizio una semplice multa di qualche centinaio di euro. E che ora si trova a dover pagare una sanzione alta e un nuovo contributo unificato, oltre alle spese legali.

Salvatore Taverniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*