La vita non è un gioco e gli attori non possono soltanto giocare a carte in attesa che sia il jolly a risolvere ogni problema, connesso o meno all’evoluzione della specie e al rinnovarsi dell’umanità. Questo, più o meno, s’intuisce leggendo “Il giorno della conflagrazione”, secondo romanzo di Rocco...