Rassegna concertistica “I Venerdì musicali del Vivariense”

 Ha avuto inizio a Squillace la rassegna concertistica “I Venerdì musicali del Vivariense”, organizzata dall’Istituto Comprensivo di Squillace in collaborazione con l’associazione musicale culturale “Magna Graecia Flute Choir di Borgia, sotto la direzione artistica del professor Sebastiano Valentino, docente di flauto nello stesso istituto, al liceo musicale di Lamezia Terme e nei corsi preaccademici del Polo di Catanzaro del conservatorio “Tchaikovsky” di Nocera Terinese.
Il primo appuntamento è stato con il Quintetto Aulos, cinque flauti provenienti dall’orchestra di flauti della Calabria, che hanno dato vita ad un affascinante viaggio nella storia della musica, conducendo il pubblico in sala da un periodo storico all’altro, da genere a genere, fino a coinvolgerlo con esecuzioni idiofoniche che lo hanno reso protagonista.
A spiegare di volta in volta le varie tappe del viaggio è stato il professor Valentino, rivolgendosi con linguaggio semplice e narrante ai bambini della scuola primaria e della secondaria di primo grado di Squillace centro, ma anche ai docenti e al personale Ata che hanno gremito la sala del concerto.
L’esibizione del quintetto è stata impreziosita dalla presenza del soprano Marta Amoroso, voce lirica dal timbro caldo e soave, che è intervenuta per interpretare alcuni brani operistici. A fine concerto, i componenti del quintetto hanno consegnato un omaggio della “Magna Graecia Flute Choir” a ciascun bambino, a suggello di un’esibizione non solo interessante, piacevole e dall’alto spessore artistico, ma anche coinvolgente.
La dirigente dell’Istituto Grazia Parentela, in apertura e in chiusura, si è detta molto soddisfatta dell’attività posta in essere e dell’operato dello stesso docente di flauto, in qualità di direttore artistico della rassegna, dando appuntamento al prossimo evento in calendario, previsto per venerdì 18 gennaio 2019, con un concerto pop-rock del gruppo corale “Tones one tone”, diretto dal maestro Rocco Cerminara.

Carmela Commodaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*